Alla base del benessere e del progresso vi sono attività, opere sociali e benemerite iniziative, prodotte da uomini e donne che eccellono nel contesto generale.

Il PREMIO ROMA allo sviluppo del Paese nasce "per premiare Personalità del mondo dell'economia, delle scienze, del sociale e della cultura, particolarmente distintesi per i contributi che danno alla crescita ed al prestigio del Paese".

Il Premio è intitolato a Roma e vuole essere un tributo ad una città al centro del mondo, economico e civile.

Essa, con il suo splendore e le sofferte contraddizioni, è "la madre" dalla quale tutto nasce e proietta i suoi valori nell'intelligenza e nella creatività dei figli.

E' doveroso riconoscere a Roma questa centralità, per la sua storia e per ciò che essa ha rappresentato, e rappresenta, per l'intera umanità.

L'assegnazione del Premio vuole essere un momento di incontro e di riflessione, in cui si intendono raccogliere intorno all'Urbe capacità realizzatrici ed ideali, espressi da Personalità degne di un tale riconoscimento.

La rivista "Tempo Finanziario" è promotrice dell'iniziativa. Essa, letta ed apprezzata nel mondo della cultura e della produzione, esprime alcuni membri della Giuria, provenienti dal suo Comitato Scientifico.

 

Giuria


Presidente
Marcello Messori

Membri
Ercole Pietro Pellicanò: Coordinatore

Fabio Carniol
Pierluigi Ciocca
Giorgio Di Giorgio
Patrizia Grieco
Gaetano Miccichè
Enzo Moavero Milanesi
Beniamino Quintieri
Salvatore Rossi

 

Comitato dei Garanti


Presidente
Giuliano Amato

Membri
Innocenzo Cipolletta
Massimo Egidi
Franco Gallo