Sutri: Emmanuele F. M. Emanuele e Vittorio Sgarbi per un territorio di cultura
07/settembre/2018
Cultura

Nel rilancio dei territori, specialmente quelli di provincia, traino del turismo ed elemento di vitalità sociale può e deve essere la diffusione della cultura.
Questo è ciò che si sta cercando di fare a Sutri (Viterbo), un paese di appena seimila anime, già sede vescovile e sede papale tra il 1223 e il 1224, con la giunta comunale guidata da Vittorio Sgarbi.
Nella missione di rilancio dell'antico borgo, il Sindaco ha trovato un prezioso quanto fondamentale alleato nella persona del Prof. Avv. Emmanuele F.M. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, da sempre attiva nel sostegno, promozione e diffusione di attività culturali meritevoli.
Attraverso la sua emanazione, la Fondazione Cultura e Arte, è stato infatti possibile allestire dieci mostre, in programma dal 15 settembre al 13 gennaio, presso il nuovo Museo di Palazzo Doebbing.
Come riferito dal Corriere della Sera del 5 settembre u.s., La Bellezza di Dio accorpa dipinti e oggetti d'arte del XIV e XVII secolo nella Tuscia.
Di Giuseppe Pellizza, proveniente da Ascoli Piceno, sarà esposta la Passeggiata amorosa. Kouros metterà in dialogo Wilhelm von Gloeden e Roberto Ferri, che s'ispirano al nudo maschile classico.
Presenti inoltre il Nuovo Quarto Stato: migranti del pittore siciliano Giovanni Iudice, i ferri battuti da Luciano e Ivan Zanoni, le icone di Matteo Basilè, i dipinti a tema contadino di Italo Mus e L'altalena etrusca di Luigi Serafini, monumento contemporaneo, ma antico nell'ideazione.
Dal 15 dicembre, si aggiungerà la tela San Francesco riceve le stigmate di Tiziano, da Ascoli. Un tesoro che, arrivando per ultimo, fa sperare in una proroga.
Le esposizioni fanno parte del più articolato Festival D'Autunno, in cui Sutri ospiterà incontri con figure provenienti dal mondo letterario, artistico e politico.
In questo contesto saranno intitolate alcune vie del comune, a personaggi come Pier Paolo Pasolini ed Enzo Tortora.
Accendere i riflettori su Sutri non è però stato facile.
Questo importante evento, come hanno ricordato il Sindaco Vittorio Sgarbi e il Presidente Emmanuele F.M. Emanuele, è figlio dell'ennesima battaglia vinta contro la schiacciante macchina burocratica, che troppo spesso impedisce la realizzazione e rapidità di esecuzione di progetti, anche di ordine culturale.